Il carbonio di Lamborghini a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

Torna indietro

[[ formattedDate ]]

Automobili Lamborghini nello spazio? A due anni dall’inizio dell’attività congiunta di ricerca sui materiali compositi avanzati in fibra di carbonio avviata da Automobili Lamborghini e lo Houston Methodist Research Institute, il vettore Antares della Northrop Grumman porterà a bordo della International Space Station un set di campioni di materiale composito realizzati dalla Casa del Toro. Il lancio avrà luogo dopo il 2 novembre dalla Wallops Flight Facility in Virginia. Lamborghini è la prima casa automobilistica al mondo a inviare a bordo della ISS componenti di sviluppo e produzione propri per fini scientifici.

La reazione dei materiali compositi nell’ambiente spaziale

La campagna di test, mirata ad analizzare la risposta di cinque differenti materiali compositi prodotti da Lamborghini alle sollecitazioni estreme indotte dall'ambiente spaziale in vista di future applicazioni sulle proprie supersportive e in ambito medico, è sponsorizzata dall’ISS U.S. National Laboratory e sovraintesa dallo Houston Methodist Research Institute.

Non solo supersportive: biocompatibilità e ambito medico

La missione è il risultato dell’accordo siglato due anni fa tra Stefano Domenicali, Chairman e Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini, e Mauro Ferrari, all’epoca Presidente e CEO dell’Istituto di ricerca e oggi Presidente dell’European Research Council. Il progetto di ricerca congiunto, a cui Lamborghini collabora a titolo gratuito, verte sullo studio della biocompatibilità dei materiali compositi per verificarne il possibile impiego in impianti protesici, ma anche in dispositivi sottocutanei, sfruttandone le peculiari proprietà di leggerezza, radio trasparenza e radio compatibilità.

Una missione spaziale tricolore

Il lancio sulla stazione orbitale ISS porta i colori del tricolore: il contributo italiano è rappresentato non solo dalla Lamborghini, ma anche dal Dott. Alessandro Grattoni, direttore del Dipartimento di Nanomedicina del Houston Methodist Research Institute, e dall'astronauta Luca Parmitano che, alla sua seconda presenza a bordo della ISS, ne è appena divenuto comandante, una "prima" assoluta per l’Italia. 

Scienza e responsabilità sociale d’impresa

Siamo molto orgogliosi”, commenta Stefano Domenicali, “Lamborghini è la prima casa automobilistica al mondo a inviare a bordo della ISS componenti di sviluppo e produzione propri per fini scientifici. Oltre a rappresentare un grande esempio di responsabilità sociale d'impresa, questa missione è anche pienamente in linea con la nostra filosofia e valori. Lamborghini è un marchio da sempre votato al superamento dei limiti in ogni campo della propria attività e a fare da pioniere in ambito tecnologico”.