Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione di terze parti  al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione. Procedendo si acconsente all’utilizzo di tali cookies. Per l’informativa completa oppure per negare il consenso clicca qui »

Tour

Il Museo Lamborghini ripercorre nei minimi dettagli tutta la storia del Toro: dalla 350 GT, il primo modello realizzato da Ferruccio Lamborghini nel 1964, all’Aventador Roadster del 2013, suggestivamente appesa a una parete.

La Miura disegnata da Marcello Gandini, icona indiscussa nel mondo dell’automobile, è presente nei vari modelli: la serie S con le inconfondibili “ciglia”; la successiva SV con il motore V 12 potenziato a 385 cavalli; il prototipo Miura Concept, creato come esemplare unico dopo il 40° anniversario della vettura.

L’Espada, una delle poche vetture a quattro posti prodotte, si affianca alla Jarama, che si distingue per il meticoloso studio aerodinamico e per le caratteristiche “palpebre” dei fari. Gli anni della crisi petrolifera sono raccontati da affascinanti modelli meno potenti, con motori V8, come la Urraco e la Jalpa, con la firma autografa di Ferruccio Lamborghini sul cruscotto.

L’arco storico della leggendaria Countach – la prima vettura Lamborghini a rompere il muro dei 300 Km/h – è rappresentato dal prototipo verde brillante con telaio 001 e dalla versione 25° anniversario, dotata dei nuovi spoiler anteriori e prese d’aria modificate. Impossibile non citare, fra le auto ‘classiche’, la Diablo 6.0 Special Edition del 2001 dall’inconfondibile colore oro, la Gallardo della Polizia Stradale italiana ultra-equipaggiata e la Lamborghini LM 002, l’off-road sviluppata originariamente per uso militare.

Per gli appassionati del Toro non mancano certamente in esposizione  prototipi e modelli esclusivi: la P 147 nelle due versioni disegnate da Gandini e da Zagato, la Concept S, ideata da Luc Donckerwolke e avveniristica evoluzione della Gallardo, la Sesto Elemento, leggera e potente per la struttura in carbonio; la Reventón, dalla silhouette sagomata, prodotta in soli venti esemplari e la Egoista, concept car dal mood futurista. 

Inoltre la presenza sportiva di Lamborghini è testimoniata dalla Lambo Formula 1 del 1992 e dalla Diablo GT2; nonché da una sezione dedicata ai motori marini, vincitori di Campionati Mondiali.